Crea sito

News

Diventa Ambassador Catisfactions e ricevi prodotti gratuiti da testare

Buona nottata ragazzi e ragazze e, per chi festeggia, buona festa della donna! Non festeggio, ma è una scelta personale, non sono d’accordo con il festeggiare le donne per un solo giorno, per poi dimenticarsene tutto l’anno…

Certamente The Insiders non si è dimenticato dei gatti, fedeli amici delle donne da sempre, difatti propone spesso ottime campagne riguardo i gatti e molto altro, in più ha avviato da poco una nuova campagna riguardo dei prodotti Dyson per la casa, molto utili ai casalinghi e alle casalinghe. Coincidenza?

Bando alle ciance, volevo giusto portarvi a conoscenza dell’esistenza dell’ultima campagna riguardo i gatti.

Catisfactions, gli snack per gatti, gratuiti, per le persone idonee selezionate tramite sondaggio, senza spese di spedizione, né costi di alcun tipo, e ho detto tutto.

Chi ha gatti come me sa bene quanto possono piacere certe prelibatezze ai teneri mici, quindi perché non provare a partecipare?

The Insiders sta selezionando ben 1500 persone per questa campagna, le quali diventeranno Ambassador.

Diventa Ambassador Catisfactions, se anche tu hai un gatto goloso, perché non tentare?

Vediamo di cosa si tratta.

Chi viene selezionato riceve:

– 1 confezione da 60 gr di Catisfactions al Formaggio;
– 1 confezione da 60 gr di Catisfactions Mix Anatra-Pollo;
– 1 confezione da 60 gr di Catisfactions al Manzo;
– 1 Snacky Mouse per giocare con il gatto;
– 25 confezioni campione da 15 gr di Catisfactions al Salmone per colleghi e amici.

Gli alimenti sono proposti come senza aromi artificiali, con vitamine e minerali, hanno solo due chilocalorie per crocchetta e sono di ben quattro diverse varianti: formaggio, salmone, pollo e manzo.

Partecipare è semplice: basta compilare il sondaggio presente nella pagina della compagna.

Se non siete iscritti al sito, dovrete fare l’iscrizione per partecipare alla campagna e compilare il sondaggio, in più in quel caso vi suggerisco di completare anche i sondaggi presenti nella pagina del vostro profilo. L’iscrizione può essere fatta tramite social network tipo Facebook, oppure tramite e-mail.

Il sondaggio consisterà in una semplice serie di domande riguardo la presenza o meno di uno o più gatti nella vostra famiglia e riguardo il vostro rapporto con loro, il tipo di alimentazione, se c’è qualche marca che gli piace di più.

Le candidature resteranno aperte fino al 18 marzo.

 

Carissimo lettore o lettrice, per concludere, se hai la fortuna di ricevere questi deliziosi snack per gatti, ricordati di fornire la tua opinione al riguardo e di completare il sondaggio di fine campagna, con totale onestà.

 

Sono certa che anche il mio gatto vorrebbe assaggiare i vari gusti, qualcuno lo ha già provato, e i vostri?

Penso che questi snack gratuiti da testare potrebbero piacere anche alla mamma del mio gatto, a sua sorella e alla sua sorella adottiva di cui si prende cura Aurora Star.

Ho il piacere di conoscere anche molti altri gatti di strada e non, nonché molte persone con gatti in casa che sarebbero liete di offrire qualcosa di diverso e sfizioso ai propri felini domestici.

Alcuni gatti li considero come miei, pur essendo gatti liberi, voi avete mai avuto un rapporto del genere con uno o più gatti?

L’articolo termina qui cari lettori e lettrici e vi invito a commentare, partecipare alla campagna e, se ne avete piacere, raccontare qualche curiosità sui vostri amati felini. Buonanotte!

 

Buon 2018 e novità! Buon anno nuovo a tutti!

Buona serata ragazzi e ragazze, vi auguro un buon anno nuovo! Questa sera torno sul blog dopo una pausa avvenuta sempre nel periodo invernale per augurarvi, anche se in ritardo, un buon 2018, ma anche per informare tutti i miei cari lettori e lettrici che presto porterò molte novità sul blog, soprattutto legate al mondo della bellezza, della monda, ma anche agli sconti su questi prodotti, argomento che per questo blog è in sostanza una novità.

Prima di proseguire vi invito a dare uno sguardo ai miei contatti, se siete interessati a seguirmi su altri siti, sui social network o desiderate scrivermi.

Nel corso di questo anno continuerò a riportarvi le varie novità rilevanti del mondo della monda e a recensire nuovi prodotti, ma in più scriverò articoli riguardo gli sconti messi a disposizione dalle aziende e cercherò di informarvi tempestivamente quando qualche azienda che commercializza buoni prodotti, riguardanti la bellezza, mette a disposizione campioncini gratuiti, così potrete beneficiarne anche voi!

Cercherò di trovare il meglio per voi.

Un esempio di tipi di campioncini di cui tratterò sono quei prodotti cosmetici come i vari trucchi, i rossetti, i fondotinta, i mascara, i fard, le matite e gli ombretti, ma proverò anche a trovarvi campioncini di bagnoschiuma, shampoo e balsami di buone marche e pure maschere per il viso e per i capelli. Del resto, in un blog con molte ricette per realizzare le maschere per il viso, il corpo e i capelli, non possono mancare articoli sui campioncini di questi prodotti e recensioni di quel tipo, no?

Per quanto riguarda gli sconti, il discorso è simile: tratterò sempre prodotti di bellezza o comunque collegati a questo argomento.

Magari, tra i vari sconti, salterà fuori anche qualche buono per ottenere degli accessori o dei vestiti ad un prezzo più basso, oltre agli sconti sui cosmetici, che sono decisamente più comuni, ma non sempre riguardano buoni prodotti.

Dato che le marche esistenti sono tantissime, vi invito a consigliarmi nei commenti su quali concentrarmi di più, se avete qualche preferenza. C’è davvero l’imbarazzo della scelta, tuttavia per esperienza personale reputo alcune marche migliori di altre, ma c’è sempre quel prodotto che rappresenta un’eccezione alla regola.

Vi faccio un esempio: io mi sono sempre trovata bene con una nota marca di prodotti per capelli, anche se ora uso in prevalenza una marca diversa, ma l’anno scorso ho provato un balsamo in mousse che mi ha lasciata a dir poco perplessa! La consistenza dei miei capelli durante l’applicazione era stranissima, sembrava quasi che il prodotto asciugasse del tutto i capelli dall’acqua e poi non districava per niente a differenza di tutti gli altri balsami di quella marca, però il risultato finale non era affatto male. Insomma, l’ho trovato un prodotto un po’ strano, con cui non saprei dire se mi sono trovata bene, ha molti aspetti negativi, però i capelli a fine lavaggio hanno, avevano un buon aspetto.

A voi è capitato di acquistare prodotti e di avere dei dubbi sulla loro validità durante l’applicazione, ma poi notare dei risultati buoni o addirittura ottimi? Ecco, quello è uno di quei casi, non lo giudicherei un prodotto dai risultati ottimi, ma buoni si. Rimango in ogni caso con il dubbio che possa rovinare i capelli a lungo andare, non so perché, ma è una mia impressione data proprio dall’effetto che faceva durante l’applicazione, i miei capelli si prosciugavano e diventavano quasi sterpaglia, ma dopo il risciacquo si riprendevano e rimanevano luminosi, più gonfi, quasi voluminosi oserei dire.

Veniamo ora alle altre novità: di sicuro cercherò di fare più articoli e trattare più prodotti possibile, ma proverò anche a portare sul blog cose di cui non ho mai trattato prima e magari mi aprirò e sbilancerò di più sulle ricette e sull’alimentazione, poiché sono argomenti correlati alla bellezza e anche alla salute, però porrò sempre maggiore attenzione ai trucchi e a come mantenere la pelle e il corpo sani, così che siano anche belli. Ricordate sempre cari lettori e lettrici: un corpo sano, in salute, è anche un corpo bello e quando la base è già buona i risultati sono migliori anche truccandosi e sfruttando i vestiti, le unghie e i capelli per apparire al meglio.

Potrei persino parlarvi di profumi, lo scoprirete presto… Un buon profumo può sedurre e incuriosire, no? Anche gli odori abbelliscono una persona.

E poi le creme! Quante cose esistono, chissà cosa vi aspetta!

Non mi resta dunque che augurarvi un buon proseguimento dell’anno, ricordarvi di dare uno sguardo ai miei contatti e farvi gli auguri anche da parte del mio gatto Sigwin, che ormai ha già sette mesi!

Al prossimo articolo, vi aspettano molte altre sorprese, quelle di oggi erano solo alcune anticipazioni, ciao! A presto!

 

 

Come realizzare le beach waves gratis: tutorial

Ciao a tutte carissime lettrici e ciao anche a voi affezionati lettori! Oggi vedremo come creare delle fantastiche beach waves a costo zero o quasi… Possiamo infatti realizzare le beach waves gratis o quasi sfruttando acconciature tattiche e forcine, nonché fermagli che già possediamo, senza costi aggiuntivi.

Non servono per forza piastra, ferro o spray per creare le beach waves.

Possiamo realizzare le beach waves gratis acconciando i capelli bagnati, ancora umidi o anche asciutti.

Per creare le beach waves ci servono delle acconciature tattiche, che curvino i capelli, lasciandoli così ondulati una volta sciolti.

Perfette beach waves gratis

Vediamo come possiamo fare per creare le nostre onde da spiaggia.

Possiamo ottenere onde all’apparenza spettinate e morbide senza usare piastra, ferro o spray.

Il metodo di legare i capelli è l’ideale per chi possiede dei capelli lunghi.

Per creare delle belle onde ampie possiamo raccogliere i capelli ancora bagnati o umidi in una treccia, da chiudere in seguito in uno chignon, ma anche altre pettinature che creino curve sono perfette.

Per togliere eventuali pieghe di troppo possiamo semplicemente scuotere i capelli con l’aiuto delle mani.

Possiamo scegliere di fissare la pettinatura con della lacca, se vogliamo.

Si può anche portare per tutto il giorno una pettinatura adatta a creare le onde con lo scopo di sciogliere i capelli la sera.

Raccogliere i capelli può anche offrire sollievo dal caldo estivo, infatti può rivelarsi una scelta molto pratica e utile quella di tenere legati i capelli di giorno, per poi scioglierli la sera.

Questo metodo purtroppo non è il massimo per chi ha i capelli corti, difatti consiglio a chi ha i capelli corti di creare le onde con una piastra.

L’articolo è terminato. Buona serata. A presto!

Come realizzare le beach waves con la piastra: tutorial

Ciao miei cari lettori e lettrici del blog: oggi vi propongo un tutorial su come realizzare le beach waves con la piastra.

L’alternativa per realizzare delle beach waves perfette o almeno esattamente come le vogliamo è la piastra. Scegliere la piastra per creare le onde dei nostri capelli ci permette infatti di prevedere quale sarà la forma finale delle ciocche, è un metodo piuttosto pratico e veloce, ma dipende molto dalla nostra abilità nell’utilizzo della piastra e necessita dell’uso di termoprotettori per evitare che i nostri capelli, a lungo andare, si rovinino troppo.

Le beach waves con la piastra

Laviamo senza troppi pensieri i nostri capelli, facciamoli asciugare e applichiamo un termoprotettore.

Una volta protetti i nostri capelli dal calore della piastra possiamo procedere con la messa in piega.

Dobbiamo pettinare con cura i capelli, togliendo ogni nodo. Dividiamo poi i capelli in ciocche di media grandezza.

Poiché le beach waves sono onde morbide, tanto più saranno ampie le ciocche, tanto più risulteranno naturali le onde.

Iniziamo con l’arrotolare i capelli, partendo però poco sotto la radice e arrivando fino alle punte. Ciocca dopo ciocca otterremo un effetto mosso naturale ed estivo. Alla fine smuoviamo i capelli con le mani, ma senza spazzolarli e la nostra pettinatura sarà pronta.

La piastra è di norma l’alternativa migliore per creare le beach waves se si hanno i capelli corti.

Il tutorial è terminato, restate sul mio blog per scoprire altri tutorial interessanti. Al prossimo articolo… A presto!

Come realizzare le beach waves con uno spray al sale marino: tutorial

Ciao amanti delle beach waves! Benvenuti in questo articolo dove impareremo in poco tempo come realizzare le beach waves con uno spray al sale marino.

Non ci servirà altro che il nostro spray per creare questa acconciatura.

Le beach waves vanno di moda in questa estate del 2017 e sono una pettinatura scelta da morte celebrità.

Forse non molti lo sanno, ma le beach waves andarono abbastanza di moda già nel 2014.

Lo spray al sale marino è certamente una delle alternative più conosciute per realizzare le beach waves.

Lo spray al sale marino

Questo spray è noto con vari nomi, tra cui sea salt spray e beach spray.

Esistono sempre più varianti di questo spray, proposte da differenti brand, ma l’importante è ricordarsi di sceglierne uno che bilanci bene la presenza del sale con l’aggiunta di prodotti idratanti come gli oli o altro.

Ricordiamo sempre che il sale tende a seccare i capelli, per questo è importante scegliere un prodotto capace di idratarli.

Per realizzare la nostra acconciatura dovremo prima lavare i capelli. Lo spray al sale marino va utilizzato sui capelli puliti.

Spruzziamo dunque il nostro spray dopo aver terminato con lo shampoo e ricordiamoci di far asciugare i nostri capelli preferibilmente all’aria aperta, oppure con il phon, se abbiamo fretta.

Dobbiamo lavorare bene le singole ciocche usando lo spray, in modo da renderle ondeggianti, ma non ricce.

Diamo forma ad una ciocca per volta e spruzziamo altro spray una volta terminato.

Per dare più volume si può svolgere l’operazione di lavorazione a testa in giù e lo consiglio a chi ha scelto di usare il phon.

Questo prodotto è perfetto per chi ha già dei capelli tendenti al mosso, ma non offre un risultato ottimale a quelle persone che hanno i capelli estremamente dritti per natura.

Esiste la possibilità di preparare da sole lo spray al sale marino.

Per realizzare lo spray al sale marino per le beach waves ci basterà un po’ di sale marino, dell’acqua, una piccola quantità di gel per capelli, in modo da fissare le onde e dell’olio per capelli per idratarli, oltre che un po’ di balsamo.

Il tutorial su come fare le beach waves con uno spray al sale marino termina qui. A presto!

Moda capelli estate 2017: capelli mossi o beach waves

Ciao a tutti carissimi lettori e lettrici del blog! Ora vi parlerò di una moda tutta estiva di quest’anno: le beach waves!

Forse alcuni di voi si chiederanno cosa sono, beh, lo scopriremo insieme nel corso di questo articolo; per ora vi basti sapere che si tratta di una tipologia di capelli mossi.

Questo tipo di pettinatura possiamo portarlo tutte, va di moda per le ragazze, ma non esattamente per i maschietti…

L’effetto sarà diverso in base alla lunghezza dei capelli. Anche chi porta i capelli corti potrà creare delle onde effetto “appena uscite dall’acqua”, ma il risultato non sarà lo stesso di chi porta i capelli molto lunghi. Entrambe le varianti risultano ad ogni modo bellissime ed estremamente indicate per l’estate; richiamano moltissimo il mare.

Le beach waves bionde su capelli lunghi

Le beach waves sono perfette per quelle ragazze che, a causa anche del caldo e dell’umidità estive, vogliono mettere da parte certe pettinature rigorose e costruite, in favore di un look più sbarazzino e naturale.

Questa pettinatura è tra i trend più in voga della moda capelli 2017.

I capelli effetto “beach waves” sono una delle tendenze della moda capelli 2017, in più sembrano essere molto amati dalle celebrità di tutto il mondo, poiché li sfoggiano in spiaggia, sui red carpet e pure nella vita di tutti i giorni. Forse uno dei motivi per cui sono tanto amate questa estate è che, oltre ad essere stupende, molto estive poiché ricordano l’effetto dei capelli inumiditi dalla salsedine del mare, sono anche facili da acconciare.

Le beach waves castane su capelli lunghi

Uno dei punti di forza delle beach waves è che sembrano del tutto naturali, eppure risultano essere sensuali e voluminose: difatti c’è differenza tra le flat waves e le beach waves. Lo scopo delle beach waves è infatti imitare l’effetto dei capelli in spiaggia, quindi dovranno essere onde un po’ gonfie e scompigliate, ma senza dare l’impressione d’essere poco curate.

Le flat waves sono delle onde piatte, mentre con le beach waves dovremo puntare alla creazione di curve voluminose con la nostra chioma, lunga o corta che sia.

L’acconciatura non deve sembrare troppo costruita a tavolino.

Per le ragazze dai capelli ricci è utile usare prodotti anti-crespo nella realizzazione della onde. A volte ci si può aiutare con la piastra per attenuare i ricci, trasformandoli in morbide onde.

Le beach waves donano molto ai capelli lunghi e si tratta di una pettinatura molto comoda e pratica da portare, ma sono ancora più semplici e veloci da realizzare sui capelli corti, sebbene il risultato vari in base al taglio e alla lunghezza dei capelli.

Le beach waves bionde su capelli corti

Esistono più metodi per ottenere le beach waves.

Un metodo che sta diventando velocemente abbastanza noto, soprattutto adesso che la moda è esplosa, consiste nell’utilizzo dello spray al sale. Lo spray al sale per le beach waves contiene sale marino e alcuni nomi con cui è noto sono: sea salt spray e beach spray.

Spuzzando il sale marino sui capelli e lavorando nel modo corretto le ciocche di capelli otterremo delle onde da spiaggia perfette.

Tra i modi per realizzare le beach waves c’è la possibilità di utilizzare una piastra. I capelli in questo caso andranno lievemente arrotolati partendo da dopo dopo le radici. Non dobbiamo dimenticare di usare un termoprotettore, se scegliamo di realizzare le beach waves con l’aiuto di una piastra.

Possiamo realizzare le beach waves anche in modo molto economico, pure se siamo inesperte. Uno dei possibili modi per ottenere le onde da spiaggia è lasciare che i capelli, appena lavati, asciughino restando legati in pettinature che costringono i capelli a mantenere posizioni curve e che creino onde. Una pettinatura adatta è lo chignon, meglio se realizzato arrotolando prima i capelli su loro stessi.

Il metodo da preferire varia anche a seconda della lunghezza dei capelli: chi ha i capelli corti è meglio se non usa lo chignon, poiché se sono molto corti non riuscirà affatto a legarli, però potrà aiutarsi con altri trucchi.

L’articolo è terminato, vi invito a dare un’occhiata ai tutorial che ho pubblicato su come realizzare le beach waves e vi auguro una fantastica estate. A presto!

Tendenze moda estate 2017: dai vestiti al trucco

Ciao cari lettori e lettrici! Se voi siete curiosi di conoscere le tendenze moda per l’estate 2017, questo articolo fa per voi, in caso contrario vi invito a spulciare il mio blog in cerca di altri articoli di vostro interesse, magari di carattere più pratico e meno teorico.

Vuoi per passione, per smania d’apparire alla moda e di conformarsi, vuoi per restare semplicemente aggiornati, vuoi per curiosità, molti di noi finiscono per informarsi su quali siano le mode dell’anno in corso: ed ora è il turno dell’estate 2017!

Tendenze moda estate 2017 per le borse

Rifaciamoci per prima cosa alla Milano Fashion Week di qualche tempo fa per quanto riguarda il vestiario: vanno i pantaloni larghi stile paracadutista e le camicie anch’esse larghe.

Bando alle ciance: le passerelle hanno parlato chiaramente; va il plissé, ma un plissé sofisticato. Non è mancato il denim, così come non sono mancati gli abiti stile camicia, lunghi caftani, shirt-dress a rigorose righe regimental oppure immacolati, il cotone Oxford e il pizzo SanGallo.

Per gli uomini le passerelle hanno offerto camicie molto lunghe.

L’ha fatta da padrone anche il blazer sartoriale.

Non sono mancati certo gli abiti in stile lingerie, né calzature in denim!

In generale tra i colori dell’estate troviamo il rosso e il verde, anche se il verde è stato più relegato dalla primavera, all’atto pratico, da moltissime persone “comuni”.

Ricordo che il verde Greenery è la tinta Pantone 2017.

Un altro colore molto indicato, ma pensato più per la primavera è e resta il fucsia.

Tra le tante tendenze dell’estate 2017 troviamo le maniche giganti o maxi-maniche, i volant e le rouches. Vestiti, colori e stili sono pensati in chiave anni ’80, con richiami al design costruttivista degli stilisti giapponesi, in particolare per il plissé.

Non sono mancati nemmeno gli abiti monospalla tra i “must” per l’estate 2017: specialmente quelli anni ’80.

Durante l’estate possiamo sbizzarrirci con stili leggermente più semplici, oppure osare molto, soprattutto con i colori. Vanno di moda infatti sia gli abitini più semplici a monospalla, sia abiti con spalline eleborate e di una certa importanza e, talvolta, eccentricità.

I gioielli sono maxi: maxi-collane, maxi.orecchini, maxi-pendenti! Tutto maxi!

Tornando ai vestiti, possiamo scegliere se essere più romantiche o più provocanti, buttandoci su vestiti con il tulle, più leggiadri, principeschi e con tanti strati della bellissima stoffa se ci riteniamo romantiche, oppure scegliere pochi strati di tulle per un effetto sensuale.

I costumi da bagno sono senza dubbio sensuali e chic: non mancano i trikini.

Nei costumi troviamo sia chi li propone a vita bassa, che a vita alta, con lo scopo di sottolineare le forme.

Le fantasie dei costumi vanno dall’orientale al minimal, con la possibilità di creare forti contrasti.

Per l’intimo la tendenza è alla trasparenza e va la bralette.

In contrapposizione ai maxi-gioielli e ad alcune maxi-maniche, maxi-camicie e spalline importanti troviamo le borse, rigorosamente mini. Le pochette, poi, si fanno piccolissime.

La scarpa dell’estate è la zeppa, tuttavia non c’è problema se decidete di sfoggiare altri tipi di scarpe.

I nostri paia di zeppe dovranno essere glitterati, avere la zeppa in legno o essere fatte con materiali appariscenti.

Pressoché tutte le scarpe sono ammesse, ma vale la regola dell’appariscenza!

Per gli occhiali c’è maggiore varietà di scelta: grandi, piccoli, sexy, impreziositi… Sbizzarritevi!

Passiamo al make-up: la base del nostro look è naturale, ma poi v’è un bivio…

Le tendenze moda dell’estate 2017 prevedono una base del viso molto naturale e “soft”, senza pesanti contouring, strati pesanti di fondotinta o visi troppo “finti” e disegnati dal trucco.

Sopra al nostro volto naturale, appena sfiorato da una BBCream o da un lieve strato di fondotinta andremo ad applicare una cipria perlacea, per poi dedicarci al nostro bivio.

Le guance dovranno essere colorate, di tonalità che possono andare dall’arancio intenso al rosato, senza escludere il rosso corallo e il fucsia.

I colori sia per il make up occhi, che per il trucco delle labbra potranno essere agli estremi opposti: stile nude, oppure super colorato.

Per i trucchi più colorati, gli ombretti potranno essere glitterati o con un marcato effetto mat, senza dimenticare che si possono applicare eyeliner colorati e che se preferite un trucco più naturale, non c’è problema, poiché è permesso e anche le matite dai toni pastello sono le benvenute.

Kajal e eyeliner neri sono ammessi e pure consigliati in caso di ombretti particolari e appariscenti.

Per le labbra i colori dei rossetti sono l’arancione, il bordeaux, il rosa, il viola e i colori effetto nude in generale. Anche qui c’è un bivio: possiamo optare per look più naturali, possiamo tingere le labbra con rossetti opachi, oppure con rossetti super scintillanti. Il rosso è vivamente consigliato.

Sulle mani vanno di moda gli smalti metallizzati, così come sulle unghie dei piedi. Sono consigliati l’azzurro, il rosa chiaro, il corallo, l’arancione e il verde, in particolare il verde Greenery, che è anche il colore Pantone dell’anno 2017.

Sono sempre ammessi i colori nude sulle unghie, così come per il resto del trucco e anche il bianco è tra i colori dell’estate 2017.

Gli stilisti e le sfilate, così come le mode che cercano di emergere sono infiniti, ma questa era una panoramica generale su cosa, in teoria, dovrebbe andare di moda in estate: ricordate però che la vera moda, quella “da strada”, la fanno i normali e comuni cittadini, non più gli stilisti.

Per quanto bello o particolare sia un abito, all’atto pratico, se non piace alla “massa”, non andrà mai veramente “di moda”, poiché finirà nel dimenticatoio dopo forse una sfilata, qualche foto, un po’ di articoli o poco più.

Detto ciò vi saluto miei cari lettori e lettrici, vi invito a continuare a farmi compagnia nel blog ponendomi tutte le domande che desiderate riguardo gli articoli e vi auguro una splendida serata. A presto!

Sigwin compie un mese: tanti auguri al mio gatto!

Auguri dolce e tenero Sigwin!

 


Il 23 giugno il mio gatto compie un mese, difatti è nato il 23 maggio e diventa sempre più simpatico!

Sigwin è un gattino stupendo, ha appena iniziato a muovere i suoi primi passi incerti, a giocare e a fare espressioni a volte buffe. Ha spesso gli occhi spalancati, tra il terrorizzato e il sorpreso, da quando li ha aperti ad appena due settimane di vita o quasi.

Il mio adorabile gatto ora è ancora molto piccolo e di lui se ne prende cura una bellissima gatta di nome Sonny, assieme alla vivace sorella Candy, anche lei di un mese. Sonny è la gatta di Aurora Star e anche Candy resterà con lei. Sull’account di Instagram della padroncina di Sonny troverete una bella foto inedita di Candy e Sigwin e forse ne pubblicherà altre in futuro.

Chiedete a lei per maggiori informazioni!

Nell’account Instagram del mio dolce Sigwin troverete altre foto in futuro, probabilmente, ma per ora è piccolo per essere separato dalla madre, di conseguenza lo lascerò in pace a riposare, godendomi occasionalmente le sue espressioni tra lo stupito e lo spaventato, consapevole che quegli occhi grandi mi guarderanno ancora tante volte.

Anche se è molto piccolo, Sigwin ha già iniziato ad assaggiare l’acqua dalla ciotola in piena autonomia, ma è meno incline ad usare le unghie rispetto alla sua bella sorellina grigia ed è anche rimasto un po’ più piccolo, pigro e tranquillo, nonostante fosse poco più grande della sorella appena nato. Lui ha anche il pelo che sembra essere meno lungo di quello di Candy; quindi da l’impressione di essere un gatto meno maestoso e però sembra più cucciolotto. Fa tante pose tenere quando si lava da solo.

Ora che il tempo sta passando e tutti e due iniziano a crescere, anche lui sta diventando più attivo, ma è sempre un gatto più tranquillo e meno cacciatore rispetto a Candy, che forse è più attiva persino della Sonny.

Insomma, è un vero gatto da salotto il mio dolce Sigwin dalla bella mascherina.

Non posso nascondere che non vedo l’ora di tenermelo accanto o in braccio mentre scrivo e, se lui lo vorrà, di giocarci assieme facendogli cacciare piccoli giocattoli pensati apposta per i gattini belli e teneri come lui.

Penso proprio che il mio Sigwin sarà un gatto molto viziato!

Lo terrò con me finché vivrò o fino a quando lui vivrà e mi auguro che abbia una vita lunga, ventennale o più: come una mia precedente gatta regalatami da bambina.

Sigwin è anche una sorta di “regalo” per mia madre, che è anche allergica ai gatti, e potrà coccolarlo quando vorrà.

Purtroppo Sigwin non è un gatto ipoallergenico; tuttavia con i giusti accorgimenti è possibile godere della presenza di un gatto, anche per chi soffre di forme allergiche lievi: la cosa più importante è evitare di stare in mezzo ai peli e alla saliva del gatto, lavarsi dopo averlo coccolato e non farlo dormire nel letto dell’allergico.

Per chi può permetterselo esistono gatti di razza ipoallergenici, adatti a quasi tutte le persone affette da allergie.

I gatti ipoallergenici producono quantità inferiori di una certa proteina che causa allergia in alcuni esseri umani. Grazie all’esistenza di gatti come il Siberiano la maggior parte degli allergici possono godere della presenza di un gatto dolce e tenero come il mio Sigwin, oppure di un gatto più aggressivo, giocherellone o altro ancora…

Ora torno a festeggiare il primo mese di vita del mio gatto, del mio futuro gatto. Per ora è il gatto della Sonny, è il suo tenero cucciolo da curare, coccolare con amore, istruire e crescere.

L’articolo che ho scritto è un’eccezione: sono tanto felice dell’esistenza del mio gatto!

Non esitate a farmi domande su Sigwin, se vi piace. Risponderò a tutte le domande che mi farete, o come minimo ci proverò volentieri. Posso anche indicarvi dove adottare gatti ipoallergenici, ma tenete presente che di norma si pagano cari.

Accetto consigli riguardo il gatto, in particolare gradisco i consigli dati da chiunque abbia esperienza nella convivenza tra gatto e soggetto allergico, sebbene io abbia già avuto una certa esperienza con i gatti e mi sia sempre documentata nel corso degli anni…

Tengo tantissimo a questo gatto, in appartamento è il primo che tengo, gli altri a una certa età uscivano in giardino e nei boschi, solo una delle mie nonne ne aveva in appartamento quando c’ero già io, ma ha abitato spesso a piani bassi, con la possibilità di far lo stesso uscire i gatti nel cortile condominiale.

La gatta a pelo corto con cui fece amicizia mia madre da ragazzina, viveva con lei e mia nonna in appartamento, ma morì sedicenne, prima che avessi modo di conoscerla.

Insomma, ho avuto tanti animali in appartamento e tanti gatti che stavano in casa, ma poi uscivano, tuttavia non ho mai tenuto nell’appartamento un gatto.

Mi auguro di riuscire a far vivere al mio micio le gioie della natura e della libertà lo stesso, magari portandolo a spasso con me; del resto ho adottato molti randagi che mi seguivano fin sotto casa di loro spontanea volontà, senza trucchi di alcun tipo. Mi auguro che Sigwin mi amerà abbastanza da seguirmi e voler restare con me.

Non sono del tutto persuasa che l’uso del guinzaglio, con un gatto, sia una buona idea.

Vorrei delle opinioni riguardo l’uso della pettorina, ma se il gatto non la dovesse gradire, semplicemente, rinuncerò.

Non penso che vorrei essere legata, se mi trovassi al posto del gatto: per questo certe usanze, per lo più moderne, mi lasciano non pochi dubbi.

Il gatto è un essere libero e forse così dovrebbe vivere, ma non sempre è possibile.

Cercherò di compensare la poca libertà del mio Sigwin meglio che potrò, questo lo prometto a voi, a Sigwin e a me stessa. Non sono una persona che fa promesse, di solito, chi mi conosce lo sa, quindi state certi che non mi distrarrò a causa d’altre promesse lasciate in sospeso.

Adesso vi saluto miei affezionati lettori e lettrici, vi auguro una fantastica estate e se non potete portare con voi i vostri amici animali, vi ricordo che esistono numerosi centri che se ne occupano e altrettanti pet sitter. Vorrei tanto concludere con un… Auguri! Tanti auguri al mio caro Sigwin, chissà se si riconoscerà vedendo la sua foto postata su Instagram e incorporata nell’articolo…

Stare con un gatto può essere una gioia immensa: auguro questo piacere a tutti i miei amati lettori e lettrici, ciao!

 

Moda dell’estate: gioco di musica visuale del Doodle di Google!

Buongiorno carissimi lettori e lettrici! Molti di noi oggi si sono svegliati con il doodle musicale di Google, e sembra che stia piacendo a molti.

Vediamo esattamente cos’è, di cosa si tratta e come funziona.

Partiamo dalla premessa che il doodle di oggi, con il relativo gioco di musica visuale all’interno, è dedicato all’astrattista Oskar Fischinger.

Se vi state chiedendo chi fosse, si tratta di un animatore, pittore e in generale di un artista di nazionalità tedesca nato ben 117 anni fa a Gelnhausen, in Germania. Morì nel 1967 negli Stati Uniti, a Los Angeles, in California.

Oskar Fischinger sperimentò ed inventò nuove tecniche, proponendo effetti mai visti prima al cinema, dando una spinta in avanti al mondo dell’animazione e in generale degli effetti speciali. Riuscì a realizzare degli interessanti cortometraggi di animazione astratta molto prima dell’arrivo dei computer e dell’animazione digitale.

Fischinger non fu sempre molto attento a saldare i suoi debiti, infatti sembra che si trasferì proprio per sfuggire ai suoi creditori, andando a vivere a Berlino, dove iniziò a dedicarsi in modo preponderante degli effetti speciali e non più solo o quasi solo delle proprie animazioni, a cui comunque continuò a dedicarsi per il piacere di sperimentare.

Consolidò la sua fama come specialista degli spot pubblicitari, e degli effetti speciali in generale, mentre i suoi lavori d’animazione iniziavano a crescere di popolarità. Le prime forme di video musicali si può dire che furono create da lui e si tratta dei suoi cosiddetti “Studi”, i quali sono composti da sottofondi di musiche accompagnate da effetti visivi, da animazioni.

Grazie alla sua creazione “Komposition in Blau” ottenne ancor più successo e si trasferì negli Stati Uniti per lavorare con la Paramount.

Purtroppo Oskar Fischinger era, come molti artisti, restio a concedere il controllo delle proprie opere a terze persone, così il contratto che lo portò in America ebbe presto fine…

Una delle opere a cui tenne di più fu probabilmente Allegretto, tanto che la ricomprò dalla Paramount per finire l’opera a colori, e non in bianco e nero come desideravano i suoi ex-superiori.

Negli ultimi anni della sua attività, quando si allontanò dal cinema anche per le difficoltà incontrate nel trovare finanziatori, produsse molti disegni e dipinti e riuscì anche a realizzare il film “Walking from Munich to Berlin”.

Il doodle di Google s’ispira dunque a questo artista che legò assieme arte visiva e musica.

Doogle di Google dedicato a Oskar Fischinger

Vediamo ora come funziona il gioco che si apre cliccando il doodle di Google di oggi.

Troviamo quattro strumenti al momento:

– il primo è rappresentato da un cerchio pieno come il simbolo della registrazione;
– il secondo è rappresentato da quattro segni in quattro direzioni differenti simili ad un fiore;
– il terzo è rappresentato da dei rettangoli sfasati e non allineati verticalmente simili a una scala;
– il quarto è rappresentato da una figura geometrica spigolosa con i lati di simile grandezza.

Per suonare dovremo scegliere quali strumenti usare, selezionando in cima alla pagina uno dei quattro simboli corrispondenti agli strumenti digitali disponibili nel gioco. Per tutti gli strumenti è disponibile una griglia alta 11 simboli e larga 16 simboli, dove ciascun simbolo corrisponde a una nota che può essere accesa e dunque suonata quando sopra vi passa una barra verticale dalla velocità standard, ma modificabile. La barra che rileva e legge le note la potete vedere passare davanti a voi anche quando non avete attivato nessuna nota, vi basta entrare nella schermata di gioco con le note vuote.

Il simboli sul nostro pentagramma digitale sono sempre rappresentati da una forma che è una via di mezzo tra un rombo e un quadrato: difatti sembra più simile ad un semplice quadrato ruotato, che ad un rombo.

A seconda delle note e dello strumento scelti vedremo lo sfondo riempirsi di colori e forme differenti, di cerchi animati luminosi, di rettangoli zampillanti, di linee e di piccole pixellature disposte a cerchio intorno alla nota, simili a piccole scintille in espansione.

In base a ciò che suoniamo possiamo vedere colori differenti.

Qualunque colore dell’arcobaleno è contemplato: dal più chiaro al più scuro, dal viola al rosso, dal blu al giallo, senza dimenticare il verde e l’azzurro in tonalità chiare e scure.

Agli estremi superiori e inferiori dello schermo troveremo le note più alte e più basse, ma per farci un’idea dei suoni disponibili possiamo iniziare a sperimentare creando una scala con le note, in modo da sentirli tutti e percepire le differenze visive e uditive tra una nota e l’altra.

Passiamo ora alle impostazioni avanzate:

– delay;
– distorsione;
– phaser;
– tonalità;
– tempo;
– present.

Il delay ci permette di attivare o disattivare il “ritardo” delle note, di default è disattivato, ma possiamo attivarlo per produrre una sorta di effetto eco.

Grazie alla distorsione possiamo letteralmente distorcere e “sporcare” il suono delle note, donandogli in genere un suono più vicino al metallico e rovinato.

Attivando l’opzione phaser otterremo un altro tipo di distorsione del suono delle note. Con questa terza funzione possiamo ottenere un suono combinato con una sorta di ritardo del suono stesso, ma inframezzato da ritardi intermedi capaci di donare un effetto unico alla nostra composizione.

Per merito dell’opzione “tonalità” possiamo scegliere se ascoltare le nostre note suonate in chiave di do, re♭, re, mi♭, mi, fa, sol♭, sol, la♭, la, si♭, si.

Questo gioco ci offre la possibilità di scegliere anche le chiavi di note bemolli, come potete notare.

Grazie al tempo possiamo cambiare la velocità con cui le nostre note vengono lette e suonate dalla barra verticale. Noi abbiamo l’opportunità di accelerare o rallentare il tempo standard impostato di default dal gioco. Il tempo minimo è pari a 1 e il tempo massimo è pari a 500, ma sconsiglio di portare al massimo la velocità, poiché le note si distinguerebbero appena. Insomma, restiamo su tempi vicini a quello di base per realizzare una melodia di semplice ascolto per tutti.

Sotto “present” abbiamo la preziosa opportunità d’ascoltare esempi di composizioni dai suoni e dai colori differenti tra loro e sempre molto interessanti.

Le melodie offerte al momento come esempi sono:

– Local Natives;
– Nick Zammuto;
– TOKiMONSTA.

Non ci resta che farci ispirare da queste meravigliose e originali musiche!

L’opzione per modificare le impostazioni riportate sopra si trova sotto la voce “modifica”, che è presente in fondo alla pagina ed è affiancata da un simbolo circolare simile ad un ingranaggio.

In basso troviamo anche un’opzione chiamata “cancella” per eliminare la nostra composizione, con affianco il simbolo del cestino, e un bottone per avviare la ricerca su Google del nome dell’astrattista a cui è dedicato il doodle del giorno.

Chissà se un giorno questo mini-gioco diventerà un gioco vero e proprio per smartphone come accadde per Pokémon Go… Non so se anche voi sapete che, tempo prima che uscisse il gioco, Google fornì per un giorno l’opportunità di giocare con la sua mappa, andando “virtualmente” in giro per la mappa a catturare i mostriciattoli tascabili per collezionarli, il tutto direttamente dal mini-gioco fornito per il primo giorno d’aprile. La differenza tra Pokémon Go e il gioco del primo aprile però stava nel modo in cui si esplorava la mappa: difatti con Pokémon Go è necessario spostarsi fisicamente, mentre nel giochino proposto in anteprima per un tempo limitato ciò non era necessario, ma bastava esplorare Google Maps. Il gioco partiva cliccando su “Inizia” e ci si ritrovava nei pressi di un laboratorio, quello del CERN, in Svizzera.

Fatemi sapere nei commenti quali sono le vostre creazioni e se anche voi siete stati rapiti e rapite da questo gioco di cui tutti stanno parlando, difatti mentre scrivevo è anche uscito un articolo dell’ANSA sul doodle di Google di oggi!

Sono curiosa di conoscere la vostra opinione sul doodle di Google dedicato a Oskar Fischinger.

Vi auguro una seconda splendida giornata d’estate e un buon lavoro come compositori, se avete scelto di cimentarvi per gioco o per passione nel campo dell’arte digitale, in particolare della musica digitale. Già che ci sono auguro un buon lavoro anche agli altri lettori e lettrici e, perché no, una buona ricerca del lavoro ai disoccupati. Chissà se questo gioco spingerà qualcuno ad intraprendere un’attività in campo musicale… Se così fosse per voi, non esitate a farmelo sapere nei commenti. A presto!

Apertura del Blog e Presentazione

Buon pomeriggio lettori e lettrici! In questa torrida giornata mi presento e vi illustro i miei progetti per questo blog.

 

Nel corso della mia vita indubbiamente per nulla interessante ho gestito vari tipi di siti, ma questa è la prima volta in cui mi accingo a sperimentare la gestione di un blog con in mente l’idea di valutare in prima persona se sia possibile o no guadagnare parlando di trucchi, bellezza e del mondo della moda in generale.

 

Prima di trattare in modo specifico i miei progetti è bene fare una premessa: ho amici e amiche con blog, forum, siti di vario tipo, social pensati per far guadagnare qualche centesimo e così via… Tuttavia non ho mai tentato di guadagnare con le mie passioni, sfruttando i siti che ho creato o che mi sono stati dati in gestione da amici, conoscenti o altre persone più o meno sconosciute che necessitavano di un aiuto a tempo determinato o indeterminato.

 

Non ho idea di dove o di cosa mi porterà questo blog: lo scoprirò insieme a voi!

 

Le opinioni che ho sentito e letto riguardo i guadagni online, nonché sul volume delle visite sono discordanti. Personalmente ho avuto esperienze positive per quanto riguarda le visite, anche molto positive e per quel poco che ho provato dei social, devo dire che è piuttosto semplice incontrare persone, anche molte persone e crescere di conseguenza come numero di fan, follower, amici, seguaci o come preferite chiamarli.

 

Insieme scopriremo se è possibile mantenere attivo un blog e guadagnarci qualcosina, tanto per arrotondare le entrate a fine mese. Con voi io scoprirò se questa avventura resterà una simpatica e divertente passione, oppure se si rivelerà stressante e in cambio voi con me potrete esplorare le novità nel mondo della moda, conoscere tante ricette utili per maschere, creme, trucchi fai da te e molto altro. Vi farò sapere se alla fine attiverò davvero il guadagno tramite i banner o se vi rinuncerò, sempre che decidiate di seguirmi…

 

Per ora questo resterà solo un blog in cui parlare di una delle mie tante passioni; sebbene una mia passione ancora più grande sia in realtà la scrittura, attività che abbraccia in se tutte o quasi tutte le mie altre passioni. Si può dire quindi, quasi barando, che in realtà qui tratterò almeno di due mie grandi passioni!

 

Per chi vuole un’idea più chiara riguardo gli argomenti che intendo trattare posso giusto fare un elenco approssimativo: trucchi, ricette e tutorial vari per creare da soli creme di bellezza, maschere nutrienti per viso, corpo e capelli, scrub, recensioni di articoli legati al mondo della moda o al make up in generale, news riguardo le mode, le sfilate di moda e gli ultimi prodotti lanciati sul mercato, magari con le relative recensioni, se ho avuto modo di provarli subito o in anteprima… Altrimenti vi farò sapere dopo un accurato e prolungato test del nuovo prodotto. Tratterò anche un po’ tutti i metodi e i prodotti usati nella cura del corpo e in maniera secondaria vi proporrò anche alcuni articoli sui regimi alimentari di moda e non, insomma, vi scriverò articoli sulle diete, ma saranno solo un aspetto secondario del blog, siccome non sono di mio interesse e penso che spetti agli specialisti del settore visitare il paziente e decidere con lui o lei quale sia il regime alimentare più adatto da seguire per dimagrire o ingrassare. L’importante è star bene col proprio corpo, ma è spesso interessante conoscere le ultime mode in fatto di diete e, in tutta onestà, farsi qualche risata quando la dieta è veramente assurda.

 

Lo sport può essere una parte importante del percorso per dimagrire o riacquistare tonicità, non conta solo l’alimentazione, ma resta importante farsi consigliare cosa mangiare da un medico o da uno specialista del settore: una dieta non assurda, di moda o non, in apparenza equilibrata può non andare bene per tutti e può comprendere degli alimenti che alcune persone non riescono a digerire e per questo a volte va totalmente stravolta per riuscire ad apportare i nutrienti necessari. Cari lettori e lettrici, vi consiglio di non prendere come oro colato gli articoli su come dimagrire, a prescindere dall’autore: quella dieta potrebbe non essere adatta a voi e solo un professionista può dirvelo dopo aver appurato se siete normopeso, sottopeso o sovrappeso e se soffrite di malnutrizione, carenze alimentari lievi o gravi che siano e se siete allergici o intolleranti a degli alimenti. In base alle vostre esigenze l’esperto del settore potrà proporvi una dieta di successo.

 

Dopo questo svarione sulle diete, con cui vi invito anche a non provare le diete che pubblicherò senza esservi prima consultati con il vostro medico di famiglia o con uno specialista, torno ad elencarvi altri argomenti per darvi un’idea più chiara di cosa tratterò, così da permettervi di decidere subito se lasciare questi lidi o continuare a seguire questa logorroica ragazza che son io.

 

Tratterò pure: gli shampoo, i balsami, i bagnoschiuma e tutti quei prodotti che sono compresi o affini al settore della “cura del corpo”, se così si può chiamare… Non mi limiterò a scrivere ricette per creare da soli i propri prodotti, ma cercherò di recensire quanti più prodotti possibili tra quelli presenti sul mercato nel momento in cui scrivo; tratterò con particolare attenzione gli ultimi prodotti lanciati sul mercato e i prodotti di cui i lettori e le lettrici mi chiederanno una recensione, se vorrete farmi delle richieste, ovviamente.

 

Non saranno esclusi dalle mie recensioni, ricette e tutorial gli smalti. Toccherò più prodotti connessi al mondo della monda, al tema della bellezza e alla cura del corpo.

 

Pubblicherò articoli con consigli su come presentare diversamente i propri oggetti e in particolare gli indumenti. Spesso basta poco per stravolgere un vestito, una maglietta o dei jeans. Vi suggerirò usi alternativi per orecchini, collane, spille, portachiavi e così via…

 

Con me ogni vestito potrà risorgere a nuova vita: vi basterà seguire i miei  consigli.

 

Non mancherò d’informarvi sulle ultime tendenze e di riportare varie curiosità e informazioni sul perché qualcosa vada di moda, dando spazio ai rumors o gossip che di si voglia, ma specificando sempre quando si tratta di notizie non confermate, ma solo di elucubrazioni di qualche fan, vip, giornalista o persona o gruppo di persone di altro tipo. I pettegolezzi non sono sempre veri, ma non è raro che vi sia un fondo di verità.

 

In sintesi il mio blog conterrà articoli concernenti il mondo della bellezza interiore ed esteriore, della moda, del make up e ospiterà recensioni fatte da me, dopo aver testato prodotti, nonché articoli di presentazione dei nuovi prodotti introdotti sul mercato fisico o virtuale che sia.

 

Al momento desidero restare anonima o quasi, ma in futuro, se lo riterrò opportuno, pubblicherò tra i contatti maggiori informazioni su di me e su come rintracciarmi. Siete tutti invitati a tenervi aggiornati spulciando il sito e visualizzando i contatti disponibili nel caso in cui vogliate contattarmi fuori dal blog, magari via e-mail, oppure tramite un altro sito, blog, forum, social o altro ancora.

 

Non mancherò d’informarvi se dovessi aprire delle piccole rubriche su argomenti correlati alla moda o agli altri argomenti principali del sito; non vi prometto nulla, ma in futuro potrei darvi alcune informazioni sugli attrezzi ginnici indispensabili per rimanere belli, sani e in forma, nonché riportare alcuni semplici esercizi da svolgere comodamente in casa o nei momenti morti sul lavoro, durante le pause o mentre si viaggia sui mezzi pubblici. Quello riportato prima è solo un esempio di una delle tante rubriche che potrei aprire, ma al momento ho in mente di mantenere il blog incentrato sui numerosi argomenti elencati in precedenza e tutti inerenti la bellezza e la moda.

 

Grazie di avermi dedicato il vostro tempo, sarei felice di ricevere i vostri consigli riguardo al blog.

 

Auguro a tutti i miei e le mie affezionati lettori e lettrici una buona permanenza, una fantastica giornata e una vita ricca di sorprese… Alla moda!