Crea sito

Smagliature

Maschera ayurvedica illuminante alla rosa damascena con amla e tulsi: ricetta

Buona serata ragazzi e ragazze! Oggi impareremo a realizzare in pochi e semplici passi un’utilissima maschera ayurvedica illuminante alla rosa damascena con amla e tulsi.

La rosa damascena o rosa di Damasco è uno dei fiori conosciuti più antichi.

Questo tipo di rosa è noto per la sua bellezza e le sue virtù terapeutiche. Purtroppo la rosa damascena rischia di finire nell’elenco delle piante estinte, a causa dei conflitti bellici, che da un lato spingono le popolazioni dedite alla sua coltivazione a fuggire, e dall’altro distruggono materialmente parte del raccolto.

Per fortuna la rosa damascena viene ormai coltivata anche al di fuori del territorio siriano, anche in Europa, nonostante il clima non sempre favorevole.

Alcuni definiscono questa rosa la “regina delle rose”.

La polvere di petali di rose viene usata di solito in combinazione con altri ingredienti, spesso a base di erbe o argille, per creare una serie di trattamenti utili solitamente allo scopo di ottenere una pelle tonica e luminosa. Non a caso la rosa viene di norma considerata adatta a tutti i tipi di pelle, da quelle particolarmente sensibili, a quelle più mature.

L’olio essenziale di rosa damascena possiede proprietà toniche, antisettiche, mucolitiche, cicatrizzanti, stimolanti, antireumatiche e sudorifere.

In genere viene utilizzata in cosmetica per la cura del viso, collo, seno, mani e per rendere la pelle elastica; pertanto è consigliata per tonificare e rassodare i tessuti, combattere l’acne, levigare la pelle, combattere la cellulite e le smagliature, rafforzare il cuoio capelluto, decongestionare e alleviare i dolori muscolari.

L’amla è ricca di vitamina C, che è un potente antiossidante, in più illumina l’incarnato e offre una pulizia profonda, è ottima per il trattamento di inestetismi come brufoli e punti neri, ma è fortemente indicata anche per una pelle matura o spenta.

Il tulsi o tulasi appartiene alla famiglia delle labiateae, è originario dell’India da cui prende anche il nome di basilico sacro o santo, è efficace nella rimozione di macchie, piccoli segni dell’acne e rimuove lo sporco in profondità liberando completamente i pori.

Possiamo dire che la nostra maschera ayurvedica illuminante alla rosa damascena con amla e tulsi sia perfetta anche contro l’acne e i suoi segni.

Rose per la maschera ayurvedica illuminante alla rosa damascena con amla e tulsi

Vediamo ora come realizzare la nostra maschera ayurvedica illuminante alla rosa damascena con amla e tulsi.

Ingredienti:

– 2 cucchiaini di rosa damascena;
– 1 cucchiaino di amla;
– 2 cucchiaini di tulsi;
– 1 bicchiere d’acqua.

Prepariamo un infuso di tulsi utilizzando l’acqua.

Mettiamo a bollire l’acqua e una volta raggiunto il bollore versiamo il tulsi nel contenitore.

Lasciamo in infusione il tutto per 5 o 10 minuti circa, a fuoco spento.

Filtriamo e poi lasciamo raffreddare l’infuso.

In una ciotola versiamo la rosa damascena e l’amla.

Quando l’infuso di tulsi si sarà raffreddato, potremo unire tutti gli ingredienti versandolo poco per volta e cercando di ottenere un composto omogeneo.

La maschera va applicata sul viso e lasciata in posa per circa 10 o 15 minuti. Gli eccessi di maschera vanno rimossi usando un panno o una spugna inumidita.

Al termine del tempo di posa il volto va risciacquato con acqua tiepida.

L’infuso creato con il tulsi può anche essere usato come tonico.

Nel caso avanzasse dell’infuso. possiamo utilizzarlo con un dischetto di cotone per ottenere una pelle pulita e luminosa.

L’articolo termina qui. Vi auguro una buona serata e, per chi va a scuola, un buon ritorno a scuola. A presto!

Maschera rinfrescante con olio essenziale di mandarino e panna fresca: ricetta

Buon pomeriggio carissimi lettori e lettrici del blog! Oggi vedremo come realizzare una maschera rinfrescante con olio essenziale di mandarino e panna fresca.

Il mandarino è un agrume ricco di utili vitamine.

La panna fresca è un alimento ricco di lipidi, ma vi possiamo trovare anche delle vitamine e dei sali minerali.

Calcio, fosforo e sodio non mancano nella panna, così come non mancano nemmeno potassio, proteine e vitamina A.

L’olio essenziale di mandarino viene estratto dalla buccia dell’omonimo frutto, può essere utilizzato nell’aromaterapia allo scopo di produrre un effetto rilassante, aiuta a conciliare il sonno e a combattere lo stato d’agitazione indotto da alcune fobie.

Quest’olio ha un’azione tonificante e aiuta a combattere le smagliature.

Possiamo sfruttare l’olio essenziale di mandarino per fare un bagno rilassante.

Purtroppo questo tipo di olio è fotosensibilizzante, dunque è meglio evitare di prendere il sole dopo averlo applicato sulla pelle.

Alcuni possibili abbinamenti di questo aroma sono quelli con gli aromi di lavanda, camomilla, bergamotto, melissa, neroli, pompelmo, limone e simili.

Limone e mandarino stanno particolarmente bene assieme e risultano piacevoli.

La lavanda può aiutare ad amplificare gli effetti rilassanti sprigionati dal profumo dell’olio essenziale di mandarino.

Mandarini ideali per la maschera rinfrescante con olio essenziale di mandarino e panna fresca

Vediamo ora come realizzare la nostra maschera rinfrescante con olio essenziale di mandarino e panna fresca.

Ingredienti:

– 1 confezione di panna fresca;
– 3 cucchiai di olio essenziale di mandarino.

Prendiamo una ciotola o un contenitore simile, poi misceliamo una confezione di panna fresca con tre cucchiai di olio essenziale di mandarino.

Applichiamo il composto, pure sul corpo, lasciando il tutto in posa per 10 minuti.

Al termine del tempo di posa laviamo via la nostra maschera aromatica.

Dopo l’applicazione la pelle risulterà profumata e morbida.

Il nostro articolo termina qui, ma potete curiosare nel blog per trovare tante altre fantastiche ricetta; alcune ricette per le maschere risultano anche deliziose da mangiare o da bere! A presto!

Maschera idratante al ribes: ricetta

Ciao cari lettori e care lettrici! Ora impareremo a preparare una fantastica maschera naturale idratante al ribes.

Questa maschera che andremo a vedere è in realtà molto semplice, ma può essere arricchita con il succo di altri frutti, per esempio del limone, che è ricco di vitamina C.

Applicando la polpa del ribes sul volto otterremo una maschera naturale con un’azione antinfiammatoria e idratante, utile anche per le scottature, specie ora che è iniziata l’estate; difatti oggi è il primo giorno d’estate nel nostro emisfero.

L’uso del ribes nelle maschere può essere l’ideale per chi presenta alcuni problemi della pelle: è molto indicato per chi ha una pelle matura, per chi soffre di punti neri, per le pelli grasse, per contrastare le smagliature, le macchie scure, le rughe, l’acne e molto altro.

frutta estiva ribes bianco ribes nero ribes rosso more lamponi e mirtilli

Vediamo ora come preparare la nostra maschera naturale idratante per il viso con il solo ribes.

Ingredienti:

– ribes.

In questa ricetta la quantità del ribes è a piacere, poiché potete scegliere di fare una maschera per tutto il viso, per solo alcune zone o di farne abbastanza per poterla conservare e riutilizzare più volte.

Estraiamo la polpa del ribes per preparare la nostra maschera idratante.

Non è necessario altro che la polpa del ribes per questa maschera, ma possiamo arricchirla a piacere con la polpa o il succo di altri frutti, ovviamente in base alle proprietà che ci servono.

Applichiamo direttamente la polpa del ribes rosso, nero o bianco sul volto per idratare la nostra epidermide. Per questa ricetta consiglio il ribes rosso, ma anche gli altri frutti apportano numerosi e interessanti benefici grazie alle loro proprietà.

Ricordate di usare questa maschera per il viso per lenire eventuali scottature, se vi dovesse capitare di ustionarvi lievemente la cute.

Con questo articolo abbiamo finito, vi auguro una splendida giornata e resto in attesa dei vostri commenti. A presto!